Palazzo Bossi Bocchi – Collezioni d’Arte Fondazione Cariparma

Strada Ponte Caprazucca, 4 - 43121 - Parma

Telefono: +39 0521532111

Orari

martedì e giovedì dalle 15.30 alle 18.00; sabato e domenica dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.00.
Agosto chiuso.

Tariffe

Ingresso gratuito. Per i gruppi è richiesta la prenotazione.

Palazzo Bossi Bocchi Parma

Condividi

Museo Bossi Bocchi Fondazione Cariparma

All’interno di Palazzo Bossi Bocchi, sede delle Collezioni d’Arte di Fondazione Cariparma, sono custodite testimonianze dell’attività artistica parmigiana dal XVII al XX secolo: tele del seicentesco pittore di genere Felice Boselli, due tavole di Cristoforo Caselli detto il Temperello, due grandi ritratti di Ranuccio I Farnese e di Margherita Aldobrandini.

Fra le opere del XVIII secolo: vedute di Giovanni Paolo Panini, battaglie di Francesco Antonio Simonini, ritratti di Giovanni Maria delle Piane detto il Molinaretto e di Louis Michel Van Loo.

La pittura dell’ottocento parmigiano è testimoniata da oli di Alberto Pasini e Roberto Guastalla, fra gli orientalisti, Cecrope Barilli, Luigi e Salvatore Marchesi, Giulio Carmignani e altri, e da un ciclo pittorico di Giambattista Borghesi.

Il novecento è rappresentato da Daniele De Strobel, Amedeo Bocchi, Donnino Pozzi e Bruno Zoni per la pittura, mentre per la scultura, una ricca collezione di bronzi, marmi e gessi preparatori testimoniano l’attività di Luigi Froni.

Preziose ceramiche e porcellane italiane del XV e XVI secolo, una collezione di cartamoneta, una raccolta di falsi e di tecniche di falsificazione, arredi parmigiani, raccolte iconografiche, stampe e disegni della città e del Ducato completano il quadro.

E’ storia recente la Donazione Renato Bruson, il corpus di 70 prestigiose opere dell’arte pittorica italiana a cavallo tra il XIX e il XX secolo che il celebre Maestro, assieme alle consorte Tita Tegano, ha generosamente donato alla Fondazione Cariparma. Tra le opere: Fattori, Lega, Borraini, Signorini, Ciardi, Fragiacomo e quattordici opere boldiniane.

Top