Deve trattarsi di autentico amore per la vita

Luogo:Casa della Musica

Orario:

Condividi

Deve trattarsi di autentico amore per la vita. Evento nell’ambito della Rassegna Superba è la notte.

Voce recitante: Maddalena Crippa; musiche originali per arpa e armonica: Gian Mario Conti; drammaturgia: Giulia Calligaro

Negli anni ’40, mentre l’Europa sprofondava in una delle sue stagioni più nere e il nazismo sfondava gli argini della disumanità, in Olanda, una giovane studiosa ebrea faceva il percorso inverso. E scalava a poco a poco le tappe dell’illuminazione. Più si faceva scuro intorno, più lei trovava e cresceva dentro di sé la Luce, Dio, l’Amore, ed un senso e un’accoglienza della vita in tutti i suoi aspetti, cogliendo ogni opportunità per evolvere anche se dolorosa, fino a condividere spontaneamente il destino del suo popolo dentro il campo di lavoro di Westerbork. E ciò senza perdere compassione, neppure per i persecutori. Solo l’amore avrebbe potuto inaugurare un futuro diverso, sosteneva, e interrompere la catena della violenza. Rispondere con odio, invece, significava che lo sterminio si sarebbe potuto ripetere nella Storia per sempre. Temi drammaticamente attuali, in un frangente storico in cui l’Europa, e per estensione l’Umanità, sembra essere regredita fino alla barbarie e nuovamente trascinata in una spirale di inopinata violenza, di contrapposizione dell’uno contro l’altro, del fratello contro il fratello, di odio cieco e sordo. I preziosi Diari di Etty Hillesun, compilati meticolosamente giorno per giorno tra il 1941 e il 1943, ci accompagnano nel suo percorso di crescita fino alla morte, avvenuta ad Auschwitz.

 

Maddalena Crippa è tra le più note ed apprezzate attrici teatrali sulla scena europea, interprete di testi importanti e impegnativi, come “Der Park” di Boto Strauss per la regia di Peter Stein, ispirato a “Sogno di una notte di mezza estate” in chiave contemporanea, ricco  di riferimenti all’attualità, presentato al Teatro Argentina di Roma e al Piccolo di Milano. Cinema, TV, concerti nel percorso artistico dell’attrice, formatasi con Giorgio Strehler, con il quale ha debuttato recitando nel “Campiello” a soli 17 anni, affiancando grandi nomi come Didi Perego, Achille Millo, Pamela Villoresi, Ferruccio Soleri, Edda Valente.

Gian Mario Conti è un artista poliedrico: arpista compositore e polistrumentista, pittore dall’animo gentile ed inquieto, poeta, performer. Sviluppa nel suo percorso un’estetica che coniuga, in un unico filo conduttore, linguaggio pittorico, musicale e gestuale. In Italia numerose sono le sue mostre a partire dagli anni ’80 e i riconoscimenti ricevuti, non ultimo la prestigiosa partecipazione alla mostra “I mille di Sgarbi”.  In ambito concertistico, si esibisce sia come solista che in formazioni cameristiche e ensemble, in festival e rassegne di nuova musica, sia in Italia che all’estero.

 

Informazioni

Ingresso gratuito. Casa della Musica, P.le San Francesco 1 – Parma. Tel. 0521 031170 infopoint@lacasadellamusica.it

Si consiglia la prenotazione tramite App Parma 2020+21

 

Top