L’ultimo romantico – Luigi Magnani il signore della Villa dei Capolavori

Luogo:Fondazione Magnani Rocca

Orario:

dal 14 marzo al 12 luglio 2020
da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 18.00 (la biglietteria chiude alle 17.00); sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 19.00 (la biglietteria chiude alle 18.00).
Aperto anche lunedì di Pasqua, 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno.
Lunedì chiuso (aperto Lunedì di Pasqua).

Tariffe:

€ 12,00 valido anche per le raccolte permanenti 
€ 10,00 per gruppi di almeno venti persone 
€ 5,00 per le scuole

Visite guidate il sabato alle 16.30 e la domenica e festivi alle 11.30, 16.00, 17.00, visita alla mostra e alle opere più celebri delle raccolte permanenti con guida specializzata; è possibile prenotare a segreteria@magnanirocca.it , oppure presentarsi all’ingresso del museo fino a esaurimento posti; costo € 17,00 (ingresso e guida).

 

Condividi

Fondazione Magnani Rocca
Via Fondazione Magnani Rocca, 4, 43029 Mamiano 
Tel. +39 0521848327 - 848148
www.magnanirocca.it 
info@magnanirocca.it

"Inaugurazione 13 marzo ore 17.00. Dal 14 marzo al 12 luglio 2020.  Aperto anche tutti i festivi. Orario: dal martedì al venerdì continuato 10-18 (la biglietteria chiude alle 17) – sabato, domenica e festivi continuato 10-19 (la biglietteria chiude alle 18). Aperto anche lunedì di Pasqua, 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno. Lunedì chiuso (aperto Lunedì di Pasqua).

Ingresso: € 12,00 valido anche per le raccolte permanenti - € 10,00 per gruppi di almeno venti persone -  € 5,00 per le scuole. Il sabato ore 16.30 e la domenica e festivi ore 11.30, 16.00, 17.00, visita alla mostra e ai capolavori delle raccolte permanenti della Fondazione Magnani-Rocca con guida specializzata; è possibile prenotare a segreteria@magnanirocca.it , oppure presentarsi all’ingresso del museo fino a esaurimento posti; costo € 17,00 (ingresso e guida).

Mostra e Catalogo (Silvana Editoriale) a cura di Stefano Roffi e Mauro Carrera."

 

Una mostra che indaga i rapporti più sottili e segreti tra le espressioni artistiche, ne riconosce l’unità fondamentale, e riflette sui numerosi possibili intercambi, trasferendo la pittura nel Tempo e la musica nello Spazio.

 

Top