Insolito Festival 2020

Luogo:

Orario:

Tariffe:

Alcuni eventi sono gratuiti, altri a pagamento.
Per gli spettacoli a pagamento i biglietti saranno disponibili dal 6 luglio sul sito www.vivaticket.it.
Presso i luoghi di spettacolo la biglietteria apre un’ora prima dell'inizio delle rappresentazioni.
Il pagamento potrà essere effettuato solo in contanti.
Biglietti: € 5,00 intero; € 3,00 ridotto (under 18)

Condividi





Rassegna di spettacoli, incontri, esplorazioni urbane per adulti e bambini, che punta a rafforzare la relazione tra il teatro e la città, tra un crocevia di pensieri e linguaggi artistici sul mondo e un insieme di spazi urbani che sono soprattutto una comunità di persone.

La natura di Insolito Festival è quella di tracciare una relazione profonda e poetica tra tessuto urbano, la sua architettura, le sue periferie e la comunità. In questo contesto si radica l’idea che l’arte e la cultura debbano servire per ridefinire i gesti, le abitudini, i riti per abitare la città, per occuparla e occuparsene virtuosamente.

Diversificata la fruizione di diversi spazi cittadini, in particolare il Giardino Ducale che svelerà tra l’altro al pubblico un nuovo luogo da anni abbandonato come le Serre Petitot, il giardino della spezieria in epoca borbonica, ma anche in luoghi non convenzionali, talvolta periferici (case di quartiere, centri giovani parchi, giardini) anche fuori dal centro storico intrecciando collaborazioni e contaminazioni con altre realtà del territorio.

Dal 3 luglio al 15 settembre 
Insolito gioco dell’oca
ingresso libero negli orari di apertura del Giardino Ducale (dalle 6 alle 24)
Le mappe sono disponibili presso i punti info dei supermercati Conad di Parma e presso altri luoghi che saranno indicati sul sito di Insolito Festival e sulla pagina facebook.
Rifacendosi all’antico gioco dell’oca, questa originale versione dislocata nel Giardino Ducale, creata da Emanuela Dall’aglio trasforma chi agisce in protagonista di un viaggio iniziatico da compiere da soli o per piccoli gruppi. Una voce guida, come oracolo, udibile con dei QRcode posti sulla mappa, accompagna il pubblico nelle tappe che si snodano nel parco e diventano così interattive. 

Creazioni d’arte comunitaria:

dal 6 luglio al 30 agosto
Lettere d’amore
Il più grande epistolario d’amore della città
da un’idea di Flavia Armenzoni a cura di Daniele Bonaiuti, Chiara Renzi
Nell’epoca del virtuale (e della distanza sociale) riscopriamo la pratica della scrittura come dono d’amore, come dedica, come memento, come rituale, come atto di ribellione.
Vorremmo dare inizio ad una raccolta di lettere cartacee scritte a mano dalle cittadine e dai cittadini di Parma con l’intento di creare un’opera colletiva e poetica. Un progetto partecipativo che si svolgerà durante tutta un’estate per recuperare un gesto che sta per scomparire.
Inviate le vostre lettere d’amore all’indirizzo:
Lettera d’amore
Serre Petitot 33 A, Parco Ducale
43125 Parma

dal 10 al 13 settembre
Il più grande epistolario d’amore della città, mostra
a cura di Daniele Bonaiuti e Chiara Renzi
una creazione Micro Macro per Insolito Festival
per tutti – ingresso libero
Portate un gesto nei giorni indicati presso le Serre Petitot da prestare a Elisa Cuppini per la creazione del 28 luglio.

20 e 21 dalle 10 alle 13; dalle 16 alle 19.30
22 luglio dalle 10 alle 12.30
Giardino Ducale, Serre Petitot
Rent a movement
Perchè mi presti questo gesto?
di e con Elisa Cuppini
per tutti/e – fruizione libera


24 giugno Mi passi la scuola?

Orario:

dalle 10.00 alle 12.30

Dove : Giardino Segreto Castello dei Burattini

Laboratorio sul racconto, l’ascolto e l’incontro tra generazioni a cura di Beatrice Baruffini, un progetto Micro Macro per Insolito Festival
per bambini/e ultimo anno scuola primaria
Cosa ricordano le bambine e i bambini della scuola? Quali particolari, quali parole, riti, usanze, angoli particolari riaffiorano nella memoria dopo questi mesi di assenza? Le alunne e gli alunni della scuola primaria attraverso un laboratorio teatrale saranno guidati nella creazione di una narrazione da far ascoltare a chi dovrà affacciarsi alla scuola, a settembre, per la prima volta.

25 giugno Mi passi la scuola?

Orario:

dalle 10.00 alle 12.30

Dove : Giardino Segreto Castello dei Burattini

Laboratorio sul racconto, l’ascolto e l’incontro tra generazioni a cura di Beatrice Baruffini, un progetto Micro Macro per Insolito Festival
per bambini/e ultimo anno scuola primaria
Cosa ricordano le bambine e i bambini della scuola? Quali particolari, quali parole, riti, usanze, angoli particolari riaffiorano nella memoria dopo questi mesi di assenza? Le alunne e gli alunni della scuola primaria attraverso un laboratorio teatrale saranno guidati nella creazione di una narrazione da far ascoltare a chi dovrà affacciarsi alla scuola, a settembre, per la prima volta.

26 giugno Mi passi la scuola?

Orario:

dalle 10.00 alle 12.30

Dove : Giardino Segreto Castello dei Burattini

Laboratorio sul racconto, l’ascolto e l’incontro tra generazioni a cura di Beatrice Baruffini, un progetto Micro Macro per Insolito Festival
per bambini/e ultimo anno scuola primaria
Cosa ricordano le bambine e i bambini della scuola? Quali particolari, quali parole, riti, usanze, angoli particolari riaffiorano nella memoria dopo questi mesi di assenza? Le alunne e gli alunni della scuola primaria attraverso un laboratorio teatrale saranno guidati nella creazione di una narrazione da far ascoltare a chi dovrà affacciarsi alla scuola, a settembre, per la prima volta.

29 giugno Mi passi la scuola?

Orario:

dalle 10.00 alle 12.30

Dove : Giardino Segreto Castello dei Burattini

Laboratorio sul racconto, l’ascolto e l’incontro tra generazioni a cura di Beatrice Baruffini, un progetto Micro Macro per Insolito Festival
per bambini/e ultimo anno scuola primaria
Cosa ricordano le bambine e i bambini della scuola? Quali particolari, quali parole, riti, usanze, angoli particolari riaffiorano nella memoria dopo questi mesi di assenza? Le alunne e gli alunni della scuola primaria attraverso un laboratorio teatrale saranno guidati nella creazione di una narrazione da far ascoltare a chi dovrà affacciarsi alla scuola, a settembre, per la prima volta.

29 giugno Parole e sassi

Orario:

alle 17.00 e alle 19.00

Dove : Biblioteca di Alice

La storia di Antigone in un Racconto-Laboratorio per le nuove generazioni
Collettivo Progetto Antigone
con Agnese Scotti
esclusivamente per bambini/e di 8-9-10 anni
in collaborazione con Biblioteca di Alice
Antigone, antica vicenda di fratelli e sorelle, di patti mancati, di rituali, di leggi non scritte e di ciechi indovini, è stata
narrata nei secoli a partire dal dramma scritto dal poeta greco Sofocle nel 440 a.c. Un’attrice, solo con un patrimonio
di sassi, la racconta ai bambini e alle bambine di oggi che a loro volta la racconteranno ad altri.






30 giugno Mi passi la scuola?

Orario:

dalle 10.00 alle 12.30

Dove : Giardino Segreto Castello dei Burattini

Laboratorio sul racconto, l’ascolto e l’incontro tra generazioni a cura di Beatrice Baruffini, un progetto Micro Macro per Insolito Festival
per bambini/e ultimo anno scuola primaria
Cosa ricordano le bambine e i bambini della scuola? Quali particolari, quali parole, riti, usanze, angoli particolari riaffiorano nella memoria dopo questi mesi di assenza? Le alunne e gli alunni della scuola primaria attraverso un laboratorio teatrale saranno guidati nella creazione di una narrazione da far ascoltare a chi dovrà affacciarsi alla scuola, a settembre, per la prima volta.

1 luglio Mi passi la scuola?

Orario:

dalle 15.00 alle 17.00

Dove : Giardino Segreto Castello dei Burattini

Laboratorio sul racconto, l’ascolto e l’incontro tra generazioni a cura di Beatrice Baruffini, un progetto Micro Macro per Insolito Festival
per bambini/e ultimo anno scuola primaria
Cosa ricordano le bambine e i bambini della scuola? Quali particolari, quali parole, riti, usanze, angoli particolari riaffiorano nella memoria dopo questi mesi di assenza? Le alunne e gli alunni della scuola primaria attraverso un laboratorio teatrale saranno guidati nella creazione di una narrazione da far ascoltare a chi dovrà affacciarsi alla scuola, a settembre, per la prima volta.

1 luglio Parole e sassi

Orario:

alle 17.00 e alle 19.00

Dove : Biblioteca di Alice

La storia di Antigone in un Racconto-Laboratorio per le nuove generazioni
Collettivo Progetto Antigone
con Agnese Scotti
esclusivamente per bambini/e di 8-9-10 anni
in collaborazione con Biblioteca di Alice
Antigone, antica vicenda di fratelli e sorelle, di patti mancati, di rituali, di leggi non scritte e di ciechi indovini, è stata
narrata nei secoli a partire dal dramma scritto dal poeta greco Sofocle nel 440 a.c. Un’attrice, solo con un patrimonio
di sassi, la racconta ai bambini e alle bambine di oggi che a loro volta la racconteranno ad altri.






2 luglio Ti passo la scuola

Orario:

alle 18.00

Dove : Giardino Segreto Castello dei Burattini

Piccole narrazioni a cura di Beatrice Baruffini con le bambine e i bambini del laboratorio Mi passi la scuola?
un progetto Micro Macro per Insolito Festival
per bambini/e ultimo anno scuola dell’infanzia e per tutti/e
in collaborazione con Castello dei Burattini
Il racconto si fa testimonianza poetica e rito di passaggio tra le generazioni. Un gruppo di bambini della scuola primaria racconterà ai bambini e alle bambine che provengono dalla scuola dell’infanzia cos’è per loro la scuola, introducendoli in maniera originale e poetica a una realtà a cui dovranno presto affacciarsi.






3 luglio Apertura Insolito gioco dell’oca

Orario:

alle 10.30

Dove : Parco Ducale

di Emanuela Dall’aglio – costruzioni realizzate da GROZNI
una creazione Micro Macro per Insolito Festival
per tutti






6 luglio Dialoghi dell’infanzia on tour

Orario:

dalle 18.00 alle 21.00

Dove : Parco Del Naviglio

Installazione sonora di Beatrice Baruffini
una creazione Micro Macro per Insolito Festival
per adulti
in collaborazione con Loft – Libera Organizzazione Forme Teatrali
Le bambine e i bambini di Parma irradiano la città con le loro parole vivificanti. Un’occupazione simbolica ma concretissima: piazze, giardini, cortili saranno pervasi dai dialoghi che l’infanzia vuole aprire con gli adulti, per dire loro cosa pensano dei grandi temi: Dio, Madre natura, la Morte. Gli spettatori saranno invitati a dedicare un tempo
all’ascolto, intimo e personale, dei dialoghi, indossando un apposito kit e sedendosi in una delle postazioni dell’installazione.






8 luglio Le nid, Il nido

Orario:

alle 21.00

Dove : Biblioteca di Alice

Progetto g.g. con Consuelo Ghiretti, Francesca Grisenti
dai 2 anni
In uno spazio completamente bianco, si racconta dell’arrivo dell’altro, del diverso da me, di una nascita e di un accudire, dell’attesa e della sorpresa, di uno strano uovo che si chiude. E poco importa se dall’uovo non uscirà un delicato e piccolo uccellino, ma un drago sgraziato e grandissimo dagli occhi oro. L’inatteso non farà paura: insegnerà a crescere, a cambiare a prepararsi al mondo nuovo.






9 luglio Lapsus urbano. Il primo giorno possibile

Orario:

alle 21.30

Dove : Parco Ducale (davanti a Palazzo Ducale)

Kepler-452 – un progetto di Enrico Baraldi, Nicola Borghesi, Riccardo Tabilio
per adulti
Lapsus Urbano Il primo giorno possibile è una performance concepita nei giorni in cui il «fuori» sembrava un luogo lontano e utopico, nel momento più cupo delle restrizioni alla mobilità, alla socialità e al lavoro, quando la routine delle nostre vite veniva squassata e ribaltata dalle fondamenta, e quando il teatro – con i suoi cicli e le sue produzioni – si trovava da un giorno all’altro polverizzato. Il pubblico si ritroverà insieme in uno spazio urbano ed ascolterà in cuffia un messaggio «in bottiglia» destinato alla società futura. Gli spettatori, interpellati attivamente dalle voci del passato, saranno chiamati a misurare il loro presente con il futuro utopico immaginato dagli autori; a reagire alle domande poste nelle cuffie, a guardarsi in faccia, a contarsi, a prendere posizione o a emozionarsi di fronte all’evocazione del mondo utopico del dopo epidemia.






14 luglio Sei sassolini ovvero il peso dell’ingiustizia

Orario:

alle 18.00 e alle 21.00

Presso Casa del Quartiere – Villa Ester- Asp Ad Personam, via della Costituente, 15
da La bilancia dei Balek di Heinrich Boll
con Piergiorgio Gallicani, regia Riccardo Reina una creazione Micro Macro per Insolito Festival
dai 10 anni
in collaborazione con Quanto pesa la giustizia? Ma la giustizia non ha un peso, si dirà: non si può misurare a chili, come la farina o le patate. La giustizia forse no, ma l’ingiustizia di sicuro si. Se la si mette sul piatto di una bilancia, pesa esattamente quanto quello che manca. A volte molto, a volte poco, quasi niente. Così poco che finiamo per non sentirla più, er
farci l’abitudine. E invece ha un peso preciso, che dovremmo tenere sempre a mente, o meglio in tasca. Come questi sei sassolini.

15 luglio DSD Distance Security Dance

Orario:

alle 21.30

Dove : Centro Giovani Montanara

di e con Yele Canali e Agnese Scotti una creazione Micro Macro per Insolito Festival
per tutti/e
in collaborazione con Centro Giovani Montanara
DSD è la ricerca degli opportuni sistemi di sicurezza (distanziamento fisico, mascherine, guanti, gel/spray igienizzanti e non solo) che permettono ai due performers di realizzare la loro azione fisica in totale tranquillità per loro e il pubblico. Se le norme non verranno rispettate un allarme suonerà, avvertendo i performer dell’errore e del pericolo, costringendoli a ricominciare da capo, a fare i conti con nuove limitazioni. Applicare le regole dell’emergenza sanitaria e partendo da qui indagare le nuove (im)- possibilità di movimento, queste sono le basi di partenza della DSD.






21 luglio Sei sassolini ovvero il peso dell’ingiustizia

Orario:

alle 18.00 e alle 21.00

Presso Parco di strada Quarta presso Coop. La Bula
da La bilancia dei Balek di Heinrich Boll
con Piergiorgio Gallicani, regia Riccardo Reina una creazione Micro Macro per Insolito Festival
dai 10 anni
in collaborazione con Quanto pesa la giustizia? Ma la giustizia non ha un peso, si dirà: non si può misurare a chili, come la farina o le patate. La giustizia forse no, ma l’ingiustizia di sicuro si. Se la si mette sul piatto di una bilancia, pesa esattamente quanto quello che manca. A volte molto, a volte poco, quasi niente. Così poco che finiamo per non sentirla più, er
farci l’abitudine. E invece ha un peso preciso, che dovremmo tenere sempre a mente, o meglio in tasca. Come questi sei sassolini.

23 luglio Polvere e Conchiglie

Orario:

alle 21.30

Dove : Serre Petitot

Polvere un progetto di Giulio Bellotto, Annalisa Esposito, Riccardo Reina
Polvere è uno spettacolo senza parole: sono appunti, scritti sulla polvere. La scrittura nasce per rimanere tale nel tempo, la polvere è il modo in cui il tempo stesso cancella le tracce di ciò che esiste. Si può davvero contrastare l’inesorabile formarsi della polvere? Oppure l’illusione di lasciare una traccia che resista a oltranza non è che l’ennesimo modo per difendersi dalla finitudine dell’uomo?
a seguire
Conchiglie Piccola biografia silenziosa di e con Jessica Graiani
per adulti
Una cartolina. Una valigia pronta. Una donna di mezza età che non ha mai visto il mare. Quanto coraggio ci vuole per poter partire? Un breve racconto senza parole sulle impossibilità” di una vita come tante.






28 luglio Rent a movement

Orario:

alle 21.30

Dove : Serre Petitot

Perchè mi presti questo gesto? di e con Elisa Cuppini, video maker Lorenzo Bresolin
per tutti/e
La città si racconta con il linguaggio del corpo. Elisa Cuppini invita gli abitanti a prestarle un gesto creando un catalogo che reinterpreta i movimenti di ciascuno. Una danza collettiva e partecipata, creata dagli abitanti e messa in forma da un’artista cucendo in un vocabolario comune i gesti prestati da tutti. La necessità dei gesti prestati, il luogo in cui sono stati consegnati, la specificità di quel piccolo grande momento dell’atto, restituiscono un disegno emotivo di un qui e ora, una mappatura fisica che diventa istantanea, testimonianza e memoria di una città in un momento particolare come questo che stiamo vivendo e che sarà indelebile.






4 agosto La rivincita

Orario:

alle 21.00

Dove : Serre Petitot

Teatrodistinto
ideazione e regia Daniel Gol, con Patrice Bussy e David Meden
dai 6 anni
Due uomini nella loro quotidianità cortese e formale scendono in campo. Emerge in entrambi il desiderio di vincere e di prevalere. Il bisogno di sentirsi all’altezza li porta ad allenarsi e talvolta a sfidare l’avversario o prenderlo in giro per sentirsi più forti. La partita è fatta di momenti diversi, ogni giocatore ha punti di forza e debolezze, come ogni essere umano nel viaggio in cui si sperimenta. I passaggi sportivi diventano metafore della relazione, con le sue regole e le sue sorprese.






26 agosto Dialoghi dell’infanzia on tour

Orario:

dalle 18.00 alle 21.00

Presso Lostello – Parco della Cittadella
Installazione sonora di Beatrice Baruffini
una creazione Micro Macro per Insolito Festival
per adulti
in collaborazione con Loft – Libera Organizzazione Forme Teatrali
Le bambine e i bambini di Parma irradiano la città con le loro parole vivificanti. Un’occupazione simbolica ma concretissima: piazze, giardini, cortili saranno pervasi dai dialoghi che l’infanzia vuole aprire con gli adulti, per dire loro cosa pensano dei grandi temi: Dio, Madre natura, la Morte. Gli spettatori saranno invitati a dedicare un tempo
all’ascolto, intimo e personale, dei dialoghi, indossando un apposito kit e sedendosi in una delle postazioni dell’installazione.






2 settembre Frollo

Orario:

alle 21.00

Dove : Serre Petitot

di e con Marco Baliani
dai 6 anni
Frollo è il nome del protagonista della storia: un bambino impastato di pan pepato che un giorno si trova a percorrere un’avventura più grande di lui. Il terribile vorace figlio del Re sta mangiando a pezzetti tutto il paese. Lo si potrà fermare solo andando alla ricerca di una sostanza magica che può placare la sua fame. Frollo parte e le avventure cominciano. La storia è anche una metafora della nostra società dei consumi pronta a divorare ogni cosa. Naturalmente c’è anche un po’ di Pinocchio in questo Frollo che alla fine si sbriciola per rinascere bambino, e c’è anche un po’ di tutti noi nel bambino che si incammina per la sua strada, andando dritto, girando a destra, girando a sinistra, rivolgendosi chissà dove.






4 settembre Shakespearology

Orario:

alle 21.00

Dove : Serre Petitot

concept e regia Sotterraneo, in scena Woody Neri
per adulti
Shakespearology è un one-man-show, una biografia, un catalogo di materiali shakespeariani più o meno pop, un pezzo teatrale ibrido che dà voce al Bardo in persona e cerca di rovesciare i ruoli abituali: dopo secoli passati a interrogare la sua vita e le sue opere, finalmente è lui che dice la sua, interrogando il pubblico del nostro tempo.






Top